Progetti

Il progetto “Adotta un libro!” è stato ideato per tutelare le edizioni rare e di pregio possedute dalla biblioteca. L’obiettivo è la valorizzazione e il recupero del prezioso patrimonio librario di cui la Fondazione Basso è custode. Il donatore, dal momento in cui decide di prendere parte all’iniziativa, sarà legato alla storia del libro, perché il volume da lui “adottato” verrà corredato da uno speciale ex libris su cui sarà riportato il nome della persona, o dell’ente che avrà contribuito al restauro. Il restauro conservativo dei volumi posseduti dalla biblioteca permette al bene di continuare la sua vita nella forma in cui ci è pervenuto, non alterando le tracce storiche che possiede. Per questo si interviene consolidando le parti deteriorate dall’uso, risarcendo con carte giapponesi (specifiche per il restauro), con colori e spessori adeguati, ricomponendo fascicoli sciolti, eseguendo cuciture sulle tracce originali. Si conservano le brossure originali, restaurandole dove necessario e alla fine proteggendole con una custodia adeguata di cartone.PROCEDURA PER L’ADOZIONE:È necessario comunicare all’Associazione Amici della Fondazione Basso ( associazione_amici@fondazionebasso.it) la scelta del volume in modo da poterlo cancellare dalla lista dei volumi disponibili. Per confermare l’adozione è poi necessario versare l’importo preventivato sul conto corrente intestato a:
Associazione Amici della Fondazione Basso.

  • bonifico bancario: BancoPosta IBAN: IT27S0760103200000008957131
  • bollettino postale n° 8957131
  • Paypal

Non appena riceveremo il volume restaurato sarà nostra premura inviare il certificato d’adozione.

Il nominativo del donatore comparirà su un segnalibro inserito nel volume, sull’etichetta applicata al volume e sulla relativa scheda del catalogo elettronico.


phrenologie
A. Pierre Béraud
De la phrénologie humaine : appliquée à la philosophie, aux moeurs et au socialisme
Paris, Durand, 1848
386 pagine, 5 tavole illustrate fuori testo, 1 volume in ottavo«Ecco un sistema completo la cui applicazione constata il valore dell’uomo» – questo l’incipit del testo che vuole presentare al mondo intero i risultati “umanitari” della frenologia, disciplina così tanto fraintesa. Per Béraud la frenologia sarebbe infatti «il sistema più potente per migliorare e liberare l’uomo da ogni servitù», analizzandone con ferrea scienza ogni impulso. Questa curiosa opera di anatomia e di fisiologia nervosa si articola in 4 grandi capitoli: istinti (dall’impulso di amare, a quello di nutrirsi sino a quello di distruzione), sentimenti (dalla stima di sé all’imitazione), intelligenza (tra cui i numeri, l’ordine e la causalità) e filosofia (tra cui: anima, libero arbitrio e progresso).

Costo stimato del restauro: 75 euro


orfanella
L’orfanella di Lowood : dramma in due parti, diviso in un prologo e tre atti / ridotto dal tedesco da R. Michely
Bologna : Brugnoli e Figli, 1898. – 84 p. ; 18 cm.
“L’orfanella di Lowood”, ovvero Jane Eyre, fu scritto da Carlotta Birch-Pfeiffer, attrice di Stoccarda, la quale scrisse più di cento commedie e drammi a sensazione di scarso valore letterario, che ottennero però alla loro uscita un certo successo. In Italia l’opera fu rappresentata per la prima volta a Napoli al teatro dei Fiorentini dalla compagnia drammatica Alberti il 27 aprile 1871.

Costo stimato del restauro: 25 euro

 

 


bienetre
Charles Dupin
Bien-être et concorde des classes du peuple français
Paris, F. Didot, 1840

Brillante matematico e ingegnere, Pierre-Charles Dupin ebbe anche una lunga carriera politica. Eletto deputato con i liberali, si distinse per l’introduzione delle statistiche nel dibattito parlamentare. Fu deciso oppositore degli atelier nationaux di cui chiese la soppressione, del suffragio universale e delle idee socialiste, come ben si evince da questo testo dove scrive: «Il existe donc, chez les simples ouvriers, une inégalite, commencée par la nature, accrue par l’apprentissage et developpée par le travail. Cette inégalité … exige, à titre de justice, l’inégalité de salaire proportionné…». Edgar Allan Poe usò Charles Dupin come modello per il suo personaggio Auguste Dupin.

Costo stimato del restauro: 25 euro ADOTTATO


partisocialiste
Auguste Vermorel
Le Parti socialiste
Paris: chez A. Panis, [1870?]. – VII, 302 p. ; 19 cm

«La liberté n’est pas le but, elle n’est que le moyen: le moyen de réaliser le bien-être universel en faisant disparaître du monde l’ignorance et la misère, et en substituant l’harmonie sociale aux antagonismes de l’état actuel». E per Vermorel, socialista libertario noto per il suo ruolo nella Comune, occorre precisare cosa si intenda per libertà, quali ne siano le condizioni e quali riforme è necessario attuare perché le garanzie siano serie e reali. Per questo è indispensabile un programma ben definito perché, senza di esso, «on arrive au révolutions avortées».

Costo stimato del restauro: 25 euro ADOTTATO


lesmurailles
Les murailles révolutionnaires : collection complète des professions de foi, affiches, décrets…
Paris: J. Bry Ainé, 1856

Come già nel 1789, anche nella “terza rivoluzione francese” del febbraio 1848, i manifesti furono un importante strumento di battaglia politica. Oltre ai manifesti, Alfred Delvau raccoglie in questo volume dichiarazioni, bollettini, decreti, articoli dei principali della rivoluzione pubblicati in quei giorni in tutta la Francia, un’«œuvre collective qui a pour auteur monseigneur tout le monde … la plus vraie, la plus originale, la plus éloquente de la Révolution de Février».

Costo stimato del restauro: 120 euro ADOTTATO


lavieparisienne
Henri d’Alméras
La vie parisienne sous la Restauration
Paris: A. Michel, [19..]. – 418 p. : ill. ; 21 cm

Con il rigore dello storico e la penna del romanziere, d’Alméras ritrae la vita parigina durante la Restaurazione. Dalla vita di corte alla descrizione minuziosa della moda femminile (“en 1827 Toilette de soirée au bal: coiffure armée d’un oiseau de paradis…”) il libro, grazie anche alle numerose illustrazioni, restituisce un’immagine ironica e precisa dell’epoca che «trois journées de révolution suffirent pour l’abattre».

Costo stimato del restauro: 25 euro ADOTTATO


DOC_20160513111719_webCritica sociale: rivista di studi sociali, politici e letterari
Milano [s.n.], 1891-

Critica Sociale è la più antica rivista socialista in Italia, fondata nel 1891 da Filippo Turati, che la diresse insieme ad Anna Kuliscioff fino al 1926, anno in cui venne soppressa dalle leggi fasciste.
Le pubblicazioni ripresero dopo il fascismo e proseguono tuttora on line.
I sette volumi oggetto del restauro comprendono gli anni dal 1905 al 1926, anni in cui la rivista affronta i temi della scuola in tutta la loro ampiezza e soprattutto si schiera contro l’intervento italiano in guerra.
Numerosi e molto attuali sono anche gli articoli sul sistema elettorale, come quello pubblicato nel primo numero di gennaio 1905. «Per la rappresentanza proporzionale: ingiustizia del sistema elettorale maggioritario in Italia».

Costo stimato del restauro: 240 euro al volume


DOC_20160613153949Abbate Gualdi
Vita di D. Olimpia Pamfili, cogniata di Papa Innocenzo X. Dell’anno 1644 – Descritta dall’ill.mo sig. Abbate Gualdi
Manoscritto

Di incerta attribuzione, questa biografia scandalistica di donna Olimpia Madalchini – “che fu un Maschio vestito da Donna per la città di Roma, e una Donna vestita da Maschio per la Chiesa Romana» – fu fatta stampare da Gregorio Leti, uno dei suoi presunti autori.
Per questa, e per altre opere ritenute antipapali e scandalistiche, Leti subì diverse condanne.

Costo stimato del restauro: 240 euro


journal
Journal de la noblesse et celui du “Défenseur des opprimés”, réunis par M. de Lacroix
[Paris], 1792 2 tomi in 1 volume
Il Journal de la noblesse fu fondato come settimanale alla fine di dicembre del 1790 da M. de Lacroix, genealogista dell’ordine di Malta, autore di un Hommage à ma patrie. Considérations sur la Noblesse de la France (1790) e capitano volontario della Guardia Nazionale parigina. Il giornale ebbe un’esistenza molto agitata a giudicare dai frequenti cambiamenti di titolo (Journal universel des Cours, Etats et Républiques de l’Europe, Journal universel des Cours, Etats et Républiques de l’Europe. Avec le Bulletin de l’Armée) e dai ripetuti avvisi di persecuzioni antiaristocratiche.
Pubblicato come settimanale fino al marzo 1792, fu trasformato in quotidiano il 1° aprile e con questa periodicità continuò le pubblicazioni fino al 10 agosto 1792.

Costo stimato del restauro: 240 euro


 

DOC_20160513111623_webHerman Gorter
Réponse à Lénine sur “La maladie infantile du communisme” (1920)
Paris: Librairie ouvrière [1930]

Poeta e fra i fondatori del partito socialista olandese, Herman Gorter partecipò allo scisma del 1909 per formare il Partito Socialdemocratico Neerlandese, considerato il primo partito comunista. Dopo aver celebrato la Rivoluzione russa, divenne presto un oppositore di Lenin e nel 1919 uscì dal partito, nel frattempo divenuto Partito Comunista Olandese.
I “gruppi operai comunisti” francesi pubblicano questa “lettera aperta” a Lenin rammaricandosi che non sia ancora nota in Francia a dieci anni dalla sua stesura perché ritenengono che anziché perdere di interesse abbia al contrario acquisito «une valeur historique et révolutionnaire encore plus grande».

Costo stimato del restauro: 20 euro

 


 

buchanan
George Buchanan
Rerum Scoticarum historia, auctore Georgio Buchanano Scoto … Accessit De iure regni apud Scotos dialogus, eodem Georgio Buchanano auctore. Ad exemplar Alexandri Arbuthneti editum Edimburgia.

[Anversa: Gilles van den Rade]. – 1583. – [4], 218, [40] p. ; fol.
Seconda edizione.

Questa seconda edizione del Rerum Scoticarum Historia, la prima apparve a Edimburgo nel 1582, fa parte del fondo Utopie e progetti di riforma della società da Moro all’Illuminismo: una raccolta di opere, prevalentemente monografiche, pubblicate in Europa tra il XVI e il XVIII secolo, quasi tutte in prima edizione, messa insieme da Basso in gran parte nel secondo dopoguerra, che delineano la nascita di una teoria dello Stato e del diritto in epoca moderna. Quest’opera, considerata tra le migliori di Buchanan, “rivestita di una forma di classica purezza, ha contribuito molto a diffondere le nuove idee federaliste. Buchanan presenta sotto l’aspetto più semplice e persuasivo una teoria contrattualistica che non lascia sussistere dubbio sulla sovranità popolare: i re non rappresentano che una parte nel patto, e una inferiore, la cui adesione è condizionata; la rottura dell’impegno li muta in tiranni operanti, privi di qualsiasi privilegio giuridico e passibili delle più severe sanzioni”
(P. Mesnard, Il pensiero politico rinascimentale, Bari, 1963, p. 563).

Costo stimato del restauro: 400 euro


favreG. Bessonnet-Favre
Les fêtes républicaines depuis 1789 jusqu’à nos jours: d’après des documents authentiques
Paris: Gedalge, préf. 1904

«Tu verras, mon cher enfant, à travers la suite des fêtes républicaines, la marche des idées dans le monde». In questo volume dedicato al figlio René, l’autore ripercorre gli avvenimenti delle tre Repubbliche celebrati dai festeggiamenti popolari, dalla Festa della federazione del 14 luglio 1790, alla festa della natura, della ragione, della pace, della libertà. L’accuratezza della descrizione è resa ancora più viva dalle numerose illustrazioni.

Costo stimato del restauro: 150 euro


ScanAuguste Hardy
Le comité central dévoilé: quelques mots sur les citoyens Assi, Eudes, Boursier, Babick, etc.,…
Paris: en vent chez M.me Ve Aubert, 1871

Il racconto entusiasta e in prima persona del 28 marzo 1871 a Parigi per la proclamazione ufficiale della nascita della Comune di Parigi. Con analogo impeto l’autrice (Hardy è lo pseudonimo usato dalla vedova Aubert) elogia gli infaticabili membri del comitato centrale, tanto impegnati nel lavoro da restare «huit jours sans se coucher dans un lit».

Costo stimato del restauro: 25 euro


malatoCharles Malato
De la Commune à l’anarchie 2. ed.
Paris: P.V. Stock, 1894

Appena diciassettenne, Malato fu deportato in Nuova Caledonia insieme al padre, arrestato per il suo sostegno alla Comune di Parigi. Fu un’esperienza decisiva per la formazione politica del giovane Charles, ben riassunta in questo testo dal titolo un po’ fuorviante, in cui descrive con gran talento letterario la vita in Nuova Caledonia, fino all’insurrezione kanak del 1878, «un exposé de faits et de choses constatés de visu, non une autobiographie».
Solo nell’ultima parte del libro Malato scrive del suo ritorno in Francia e del suo avvicinamento al movimento anarchico, di cui divenne in breve tempo un esponente di primo piano.

Costo stimato del restauro: 25 euro ADOTTATO


 

nouvelles
Les nouvelles à la main
1752-1756; 1786-1789

Il giornalismo moderno è frutto di diversi processi storici. Le nouvelles à la main rappresentano la prima forma di giornalismo: possono essere lettere o gazzettini manoscritti, per uso di governi, ambasciatori, grandi commercianti. Anche dopo l’invenzione dei giornali, continuarono a essere scritte clandestinamente per trattare temi proibiti dalla censura.
Nate nell’Europa del Rinascimento, le nouvelles à la main conobbero un grande sviluppo nel corso del XVII e XVIII secolo; in particolare ebbero grande diffusione durante l’Ancien Régime, quando l’informazione ufficiale era strettamente controllata.

Costo stimato restauro: 1000 euro


André Lichtenberger
Le socialisme au XVIIIe siècle: étude sur les idées socialistes dans les écrivains français du 18. siècle avant la révolution
Paris, F. Alcan, 1895, pp. 471

Storico specialista del socialismo e romanziere, Lichtenberger nel 1895 sostenne la sua tesi per il dottorato in lettere sugli scrittori socialisti del XVIII secolo.
In questo testo si propone di esaminare la letteratura precedente gli Stati generali per dare un’idea dello spazio che lo spirito socialista occupava prima della Rivoluzione.
Lichtenberger precisa che intende la parola socialismo in senso stretto, economico e sociale, non associata ad altre idee come l’uguaglianza dei sessi, la pace perpetua o una morale non religiosa. Non stupisce quindi che l’autore si dilunghi sul cattolicissimo Rétif de la Bretonne, e ignori altri autori che, pur progressisti, non possono essere considerati socialisti.
Un libro originale, a tratti sferzante, come nel capitolo dedicato al “buon selvaggio”, ma di assoluto rigore storico.

Costo stimato del restauro: 100 euro


bismarkGeorges Goyau
Bismarck et l’Eglise: le Culturkampf, 1870-1887
Paris, Perrin
4 volumi

Autore prolifico, teorico del cattolicesimo sociale e sostenitore dell’adesione dei cattolici francesi alla Repubblica, Goyau e la sua opera furono presto dimenticati, soprattutto a causa dell’originalità del pensiero, che si discostava dalle posizioni della Chiesa francese.
Goyau fu anche un grande conoscitore della Germania religiosa, come dimostra anche questo ponderoso studio su Bismarck e la Kulturkampf. Da storico delle idee, non intende «ricostruire il programma di lotta e darne una spiegazione storica e logica, ma piuttosto osservarne e descriverne i tentativi, le esitazioni, i soprassalti, le incoerenze».

Costo stimato del restauro: 50 euro


spacciodeimaghiSpaccio dei maghi
Mario Manlio Rossi
Roma, Doxa, stampa 1929, 155 p.

Affascinato dal Mistero, Rossi si avvicina ai più diversi movimenti religiosi ed esoterici, conosce astrologi e spiritisti, mistici cattolici e teosofi, senza riuscire a scegliere una religione «abbastanza esotica». Questo brillante e documentato testo rappresenta il «mio congedo dall’occultismo … Brutalmente direi che non ho più tempo da perderci», una critica impietosa in cui l’autore, rinnegando le proprie passioni giovanili, non salva nessun movimento, né corrente, né personalità dell’esoterismo, e considera l’infatuazione per l’esoterismo una vera e propria malattia mentale.

Costo stimato del restauro: 40 euro


reunionsLe socialisme en 1850, Lettres sur les reunions électorales du parti socialiste (16 février-9 mars)
Garnier frères, Paris, 1850
Raccolta di lettere pubblicate da “Le constitutionnel”, giornale fondato nel 1830 da Adolphe Tiers con il nome di “Le national”, nel quale il futuro primo presidente della Terza repubblica francese sviluppa le proprie posizioni politiche.
In questa curiosa pagina di storia, gli anonimi autori dipingono con sarcasmo e vivacità le riunioni socialiste che precedono le elezioni parziali del marzo 1850, elezioni in cui la sinistra ebbe un considerevole successo.
Costo stimato del restauro: 35 euro

 


oranoPaolo Orano
I moderni
Fratelli Treves
3 voll.

Primo docente ordinario di storia del giornalismo (nel 1928) e direttore della Scuola fascista di giornalismo, Orano fu anche il primo a gettare le basi della demodossalogia, che studia l’opinione pubblica e il ruolo che essa riveste in una società moderna.
Personaggio eclettico, Orano fu repubblicano, socialista, fascista. Altrettanto eclettica la sua produzione saggistica: dall’etnologia alla psicologia, alla storia del giornalismo, al marxismo, alle biografie di personaggi famosi.
Nei Moderni Orano raccoglie i saggi scritti da lui negli anni sulle figure di artisti e pensatori “che meglio mi pare rappresentino le tendenze molteplici della modernità…
Gli umani sentono questo impetuoso tendere alla creazione, alla liberazione. E i grandi pensatori, i sovrani filosofi, gli artisti eccelsi dell’età moderna, per questo hanno diritto a essere considerati come i liberatori della vita in nome di una volontà di creazione”.

Costo stimato del restauro per ogni volume: 35 euro 

""